ESFOLIARE LA PELLE

Qual è la differenza fra scrub (o gommage) e peeling? Vista la presenza di innumerevoli prodotti sul mercato che espongono l’una o l’altra definizione, sorge spontaneo il dubbio su quale scegliere e sul metodo migliore da utilizzare per esfoliare la pelle e levigarla. In questo articolo scopriamo insieme come stanno veramente le cose.

L’esfoliazione cosmetica

In cosmetica per esfoliazione si intende la rimozione delle cellule cutanee più superficiali, non più vitali e già in fase di distacco. Eliminando tale strato ricco di cheratina e melanina, la pelle appare subito più luminosa, chiara e compatta.

Il procedimento può essere chimico o meccanico: nel primo caso si usano cosmetici contenenti sostanze chimicamente attive, come ad esempio gli acidi della frutta, in grado di scindere i legami di giunzione fra le cellule favorendone il distacco; nel secondo si usano prodotti con all’interno microparticelle ottenute da noccioli vegetali oppure polveri ottenute da sali o da pietre preziose, le quali provocano una microdermoabrasione.

In entrambi i casi si parla di scrub (o gommage), specificando che i prodotti cosmetici in commercio possono agire solo sullo strato più superficiale della pelle, per questioni di sicurezza.

Il peeling

Con peeling si indica un procedimento chimico che comporta l’eliminazione di diversi strati di cellule cutanee ed è di esclusiva competenza medica. Ormai è però comune vedere l’utilizzo di questo termine anche per prodotti cosmetici e ciò ha causato la confusione riguardo al significato delle due parole.

In pratica

Chiarito questo punto, è facile comprendere che si può acquistare ed utilizzare indifferentemente sia uno scrub che un peeling fra quelli presenti in commercio: scegliendo la formula che più soddisfa i nostri gusti ed incontra le nostre abitudini, otterremo in ogni caso un risultato apprezzabile che andrà ad agire solo superficialmente, senza pericolo per il tessuto cutaneo. Ciò ovviamente se effettuato sempre e comunque con criterio.

Ogni quanto fare lo scrub?

A questo punto non rimane che chiarire con quale frequenza esfoliare la pelle.

Chi lo fa una volta al mese, chi una a settimana, chi ancora quando se ne ricorda e chi addirittura ogni due giorni.

Per uscire dalla confusione, ricordiamo che la pelle possiede un suo naturale processo di esfoliazione, con cui si libera delle cellule cutanee non più vitali più esterne per far emergere in superficie quelle più giovani. La frequenza con cui ciò accade varia sensibilmente nell’arco della vita, rallentando con il passare degli anni. Se in un adolescente bastano pochi giorni, in una persona ben più matura ce ne possono volere anche una ventina affinché si compia tutto il ciclo descritto.

Di base comunque, a patto di non avere patologie in corso, si può sostenere che occorre una settimana affinché le cellule più superficiali della pelle si rinnovino completamente. Ed è questa la frequenza giusta con cui possiamo utilizzare i prodotti esfolianti, per aiutare l’epidermide nel suo processo e renderla ancora più luminosa.

Farlo più spesso può essere controproducente, in quanto si andrebbe a praticare un’abrasione su cellule non ancora pronte al distacco. Ciò potrebbe creare sensibilizzazioni e stimolare una maggior produzione di sebo da parte delle ghiandole, per un meccanismo di protezione da parte dei tessuti.

Una sana routine

Piuttosto che esfoliare più spesso, è importante farlo con regolarità e continuità nel tempo.

Ricordando però alcune attenzioni di base: durante la bella stagione l’esfoliazione va fatta solo di sera ed i giorni successivi occorre usare una protezione solare, anche se non ci si espone direttamente al sole. Questo perché esfoliando eliminiamo i cheratinociti ricchi di melanina, cellule situate superficialmente.

Da un lato in questo modo schiariamo eventuali macchie, dall’altro rendiamo più vulnerabile la pelle al fotoinvecchiamento e rischiamo arrossamenti se esposta direttamente ai raggi solari.

Se sono presenti punti neri, sarà sufficiente una pratica di esfoliazione regolare nel tempo, associata ad una pulizia delicata da effettuare ogni giorno mattina e sera.

Mary Nutricati è la fondatrice di Lalei. Appassionata di cosmesi naturale, si è accostata al settore green più di dieci anni fa animata dal forte desidero di approfondire la conoscenza…

Leggi tutto | Clicca qui per contattare Mary Nutricati

Categorie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top